Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Cerca e cavatura del tartufo patrimonio mondiale dell’umanità

Cerca e Cavatura del tartufo fanno parte del patrimonio culturale immateriale UNESCO

Questo recente riconoscimento (16 dicembre 2021) raggiunto dopo anni di preparazione da parte dell’Associazione Nazionale Città del Tartufo ha un grande significato anche per la città di San Miniato, la cui recente storia è stata fortemente influenzata da questa pratica. Si pensi solo a tutte le storie, aneddoti, modi di dire che custodiscono e arricchiscono questa tradizione.

Un estratto delle motivazioni incluse nella candidatura:

La “cerca e cavatura del tartufo in Italia” consiste in un insieme di conoscenze e pratiche trasmesse oralmente da secoli, originate nei territori tartufigeni italiani che ancora oggi caratterizzano la vita rurale di interi gruppi di praticanti, i “Tartufai”. I portatori di questa pratica possono vantare una vasta gamma di competenze e conoscenze (sul clima, l’ambiente, la vegetazione, le fasi lunari, la morfologia del terreno) legate sia alla gestione degli ecosistemi naturali forestali, collinari e fluviali, sia al rapporto con il vero cacciatore di tartufi, il cane.

 

Il ruolo del tartufaio è infatti anche quello di instaurare un rapporto profondo con il cane, volto a valorizzarne le prerogative olfattive preparandolo così ad un addestramento specifico finalizzato alla percezione e localizzazione del tartufo. La trasmissione di queste pratiche tra generazioni è assicurata e organizzata dagli stessi tartufai, sia singolarmente che attraverso gruppi associati. Nelle famiglie è di solito il “Tartufaio” più anziano – il nonno o il padre – che insegna i trucchi, i luoghi e i modi della caccia e di estrazione in modo che le giovani generazioni possano sentirsi parte della comunità.

 

Tutte queste conoscenze sono profondamente legate anche a espressioni orali e tradizioni che riflettono l’identità culturale locale entrando nei vocabolari vernacolari. Esse vengono infatti tramandate attraverso racconti, favole, aneddoti, modi di dire che corrispondono anche a espressioni delle abitudini culinarie tipiche a base di tartufo, che vengono condivise anche negli eventi festivi stagionali.

 

– Elenco rappresentativo ICH-02 – Modulo

Leave a Comment

Iscriviti alla Newsletter

Se vuoi rimanere aggiornato iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi